Ancora Star Wars: parliamo di caccia

Come mi ha fatto notare il mio amico Bruno Bacelli, i mezzi dell’Impero (ora Primo Ordine) e dell’Alleanza Ribelle (ora Resistenza) non sembrano essere cambiati molto negli ultimi trent’anni. E, a un primo sguardo superficiale, effettivamente le cose sembrano essere così. Osservando meglio, però, notiamo alcune differenze sostanziali, soprattutto nei caccia usati da Poe Dameron e dai suoi colleghi piloti, combattenti per la libertà e contro l’oppressione del Primo Ordine e del Lato Oscuro della Forza.

csm_06696__I_RESISTANCE_X_WING_FIGHTER_afc84fc683

Questo è un “Caccia Ala-X”, più comunemente conosciuto anche nel nostro Paese con la sua denominazione originale di “X-Wing”. Sembra proprio uguale a quelli usati da Luke, Biggs e company, non è vero? E invece basta notare la forma delle grandi prese d’aria frontali dei motori a ioni per rendersi conto che ci troviamo di fronte a un nuovo mezzo militare della Incom, la stessa casa che ha prodotto gli X-Wing. In particolare, il fatto di avere un singolo “cerchio” che si divide in due quando le Lastre-S si aprono in posizione d’attacco, invece che due cerchi separati, ricorda molto il modello originale di Z-95 Headhunter – uno dei primi caccia usati dall’Alleanza Ribelle – a sua volta “integrato” dai primi concept-design di Ralph McQuarrie per l’X-Wing, come possiamo vedere qui sotto.

Conceptartfighter

Anche l’Headhunter, in realtà, presto viene modificato (sia all’interno della storia sia, esternamente, come design) e riproposto nell’Expanded Universe, nei giochi di ruolo e in tutto il merchandising di Star Wars, a appare molto più frequentemente con due prese d’aria tonde separate, proprio come il suo fratellone più famoso.

Z95Variant

L’Headhunter è stato uno dei caccia di punta dei primi anni dell’Alleanza Ribelle. Leggero, versatile, prodotto in mille diverse varianti a seconda dello scopo tattico, ha permesso ai combattenti di strappare le prime vittorie contro i minacciosi Caccia TIE (Twin Ion Engine – cioè con motori a ioni gemelli… anche se l’acronimo originariamente è stato utilizzato in produzione perché ricordano dei farfallini – in inglese, per l’appunto tie). Questo anche grazie al fatto che i caccia erano dotati di scudi deflettori e di un’iperguida, cose che l’Impero non si deciderà mai a installare sui propri caccia, se non in esemplari particolari, avanzati o prototipi mai usati su larga scala. L’Incom, quindi, comincia a introdurre nella creazione di un nuovo modello tutte le innovazioni tecnologiche possibili e crea l’originale X-Wing, il T-65. Adottato immediatamente dall’Alleanza, si rivelerà – insieme agli Y-Wing e ai B-Wing – la colonna portante della flotta ribelle durante la Guerra Civile Galattica. Sarà un X-Wing a far saltare la prima Morte Nera – ovviamente pilotato da Luke Skywalker – e lo squadrone Rogue di Wedge Antilles, uno dei piloti più famosi della guerra, sarà costituito quasi esclusivamente da questi caccia. Più robusti, versatili, veloci e manovrabili degli Headhunter, sono certamente stati un vantaggio tecnologico e militare notevole nei confronti dei fragili monoposto imperiali.
Quello che vediamo nella nuova trilogia disneyana, però, non è un T-65, bensì un T-70. La denominazione è sempre quella di X-Wing o Caccia Ala-X, ma il numero del progetto indica un modello decisamente più avanzato. Il T-70 recupera la linea più slanciata e affusolata dei disegni originali di McQuarrie, è leggermente più lungo (anche se i dati in merito disponibili finora non sono definitivi o certi) di un T-65, molto più veloce e manovrabile e dotato di un’iperguida ancora più avanzata. Poe Dameron dà più volte dimostrazione delle capacità di questo incredibile caccia durante “Il Risveglio della Forza”, capace di battere gli avanzati TIE nemici anche in volo atmosferico.

Ho pensato, quindi, di mostrarvi una tabella comparativa con i dati che sono riuscito a recuperare nella Grande Rete. Qui sotto vedrete le proiezioni frontali e laterali di uno Z-95, di un T-65 e di un T-70, mentre nell’ultima immagine potrete vedere le differenze dall’alto tra i due modelli di X-Wing.

front_view

side_view

top_view

Da notare, inoltre, come tutti questi modelli a geometria variabile, con le Lastre-S che possono aprirsi per avere più raggio d’attacco o chiudersi per il volo e per l’iperspazio, derivino tutti dall’ARC-170, un modello di cacciabombardiere biposto decisamente più pesante e massiccio usato durante le Guerre dei Cloni.

ARC170

Questa piccola innovazione inserita da Abrams ha perfettamente senso nell’evoluzione tecnologica dei mezzi che si vedono nella precedente esalogia. Farei anche notare come in questo film si vedano praticamente solo X-Wing in mano alla Resistenza, ma certamente anche Y-Wing, A-Wing, B-Wing e Snowspeeder avranno avuto le loro innovazioni tecnologiche ed è ragionevole pensare che potremo ammirarne i nuovi modelli nelle prossime pellicole.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Blog e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...