Dieci film horror che non mi hanno fatto paura

Ci sono alcuni film, ormai diventati classici dell’horror, che io ho apprezzato moltissimo sebbene non mi abbiano provocato particolari sensazioni di paura. Ho pensato di elencarne una decina, più o meno tra i primi che mi sono venuti in mente, relativamente recenti. Il motivo è piuttosto semplice: è facile non essere impauriti da pellicole troppo in là con gli anni, dato che la nostra sensibilità cambia nel corso del tempo e siamo sempre più abituati a montaggi veloci, scene d’azione, effetti speciali più efficaci, CGI, eccetera. Ho preferito scegliere pellicole considerate “moderne”, diciamo dagli anni settanta in poi, e soprattutto celebrate come film fondamentali per gli amanti del genere.

La Cosa

Come ho già detto, questo non significa affatto che io non abbia apprezzato questi film, al contrario: sarebbe altrettanto facile fare un elenco di film orrendi che non mi hanno fatto paura per via della loro realizzazione amatoriale, approssimativa o per un budget troppo limitato. Niente “B-Movie”, insomma, sarebbe stato un po’ come sparare sulla proverbiale Croce Rossa e l’elenco sarebbe stato ben più lungo…

In un prossimo post farò una lista dei dieci horror che mi hanno spaventato maggiormente alla prima visione. Alcuni saranno titoli abbastanza scontati, altri potrebbero risultare delle sorprese. Bisogna sempre tener conto del fatto che la paura è un’emozione estremamente soggettiva, quindi è inevitabile che io possa essere rimasto molto impressionato da pellicole che voi avete visto con indifferenza o viceversa.

Andiamo a incominciare…

10. The Mist

The Mist

Il film tratto dal racconto di King è senza dubbio ben realizzato. Le creature sono stupende e il mix intelligente di CGI ed effetti pratici vecchio stile le rende convincenti. Ciò nonostante, c’è un non so che di artificioso e cartoonesco nei mostri e nei loro movimenti che mi ha impedito di prenderli totalmente sul serio. La storia è bella e il finale a sorpresa a me è piaciuto: l’ho trovato drammatico e spiazzante, forse il punto più “horror” di tutto il film. Tuttavia non posso dire di aver provato paura durante la visione: ero catturato dalla trama e dai personaggi, volevo vedere come sarebbe andato a finire ma non ho sentito particolari brividi né mi sono trovato a nascondermi la faccia con le coperte o roba del genere. Nulla di male: una storia inquietante può essere godibilissima anche senza terrorizzare lo spettatore ma forse un paio di gradi d’orrore puro in più avrebbero giovato a questo classico film d’assedio.

Acquista su Amazon: The mist

9. Zombie

Zombi

Dawn of the Dead, com’è conosciuto negli States è indubbiamente uno dei film horror più influenti e importanti della storia del cinema e ha determinato la consacrazione del compianto George Romero (scomparso recentemente) a re indiscusso dei Morti Viventi. Fiumi d’inchiostro sono stati scritti sul sottotesto sociale del film e sull’impatto che ha avuto nell’industria cinematografica internazionale, quindi non mi dilungherò su tali aspetti. Mi limito a dire che per quanto mi abbia appassionato e per quanto io stesso lo consideri un capolavoro inarrivabile (tanto che il remake si poteva davvero evitare, visti anche i risultati) non posso dire che mi abbia fatto paura o anche solo temporaneamente spaventato. Sarà che gli zombi non mi fanno particolarmente impressione e che suscitano in me più ammirazione per il lavoro dei truccatori e degli esperti di effetti speciali che disgusto o terrore, non lo so. Anche in questo caso, però, la storia supera qualsiasi gusto soggettivo e, brividi o meno, il film rimane qualcosa di irripetibile.

Acquista su Amazon: Zombi (Dawn of the Dead – 4 Blu-Ray)

8. Hellraiser

Hellraiser

Iniziatore di quello che probabilmente è il franchise horror più bistrattato e caduto in disgrazia della storia del cinema, Hellraiser rimane un’opera fuori dagli schemi, diversa da qualsiasi altra cosa si fosse vista sul grande schermo fino a quel momento e una piccola gemma indimenticabile. La trama di magia nera, sesso perverso e torture è qualcosa di profondamente disturbante e affascinante. I Supplizianti sono tra le creature più originali mai viste ed è un vero peccato che vengano così maldestramente distrutti nei sequel. Ma è un film che fa paura? No, non proprio… Almeno non al sottoscritto. Sono rimasto subito affascinato dal cubo di Lemarchand e dalla mitologia appena accennata e misteriosa che si cela tra le pieghe dei riti magici, dall’indifferenza di creature che trascendono il concetto di “bene” e “male”, dall’inventiva di Barker… Ma non ho perso notti di sonno a causa di Pinhead. È un film stupendo e unico, questo è fuori discussione, ma non ha solleticato particolarmente il mio senso del terrore.

Acquista su Amazon: Hellraiser – Non ci sono limiti

7. Lo Squalo

Lo Squalo

Jaws è il film che ha messo Spielberg sul radar di tutta Hollywood, un horror che sfrutta l’inconscia paura di ciò che si nasconde nelle profondità blu oceaniche. Gli effetti speciali sono innovativi e realistici, le tecniche di ripresa sono qualcosa di mai visto prima ed eccezionale, la trama è coinvolgente, la recitazione e i dialoghi fantastici. Insomma, è un classico, un’altra pellicola che ha cambiato per sempre il modo di fare cinema. Anche in questo caso, però, pur appassionandomi alla storia, non ho mai provato brividi durante la visione del film. Forse sarà per il fatto che gli squali non appartengono ai miei incubi personali, forse sarà perché tutto sommato la trama segue il ritmo più di un film d’azione e di mistero, di un thriller, che di un horror vero e proprio… Chi può dirlo? Rimane comunque un film imprescindibile per tutti gli amanti del genere.

Acquista su Amazon: Lo Squalo (Blu-Ray)

6. Rosemary’s Baby

Rosemary's Baby

Il capolavoro di Roman Polansky racconta una storia che, vista oggi, risulta alquanto scontata e prevedibile. Uno spettatore moderno potrebbe indovinare la conclusione “a sorpresa” entro il primo atto, con tutta probabilità. Però questo film è uscito nel 1968 ed è stato proposto a un’audience non ancora edotta da quasi cinquant’anni di serie TV e pellicole sull’argomento. All’epoca fece molto scalpore e, utilizzando le paure collegate con la gravidanza e con il senso di inadeguatezza sociale, sconvolse il mondo intero. Tuttavia, forse perché nemmeno il diavolo fa parte del mio immaginario horror e non è un argomento che mi tocchi in modo particolare, il film non mi ha mai spaventato. Mi ha intrigato, interessato, coinvolto e trascinato scena dopo scena ma… Niente tachicardia. Tanto senso di inquietudine, claustrofobia, paranoia ma poca paura. Ciò non toglie che sia un capolavoro tante volte imitato ma mai più replicato.

Acquista su Amazon: Rosemary’S Baby (Blu-Ray)

5. Il Presagio

Il Presagio

Lo stesso discorso vale per il primo capitolo (ma anche per i successivi) della trilogia di Damien. Grande interesse, senso di inquietudine e paranoia, poca paura. E il motivo, molto probabilmente, è lo stesso. Tenete conto che io ho visto questi film quando ero ragazzino, non molto tempo dopo la loro uscita al cinema (quindi non si tratta di un effetto di desensibilizzazione successiva). Semplicemente, l’idea del diavolo (e dell’Anticristo) non sembra entrare in risonanza con nessuna mia particolare paura inconscia. Se mi parlate di demoni strani o creature extradimensionali, fantasmi o spiriti beh, è tutto un altro paio di maniche. Ma Satana/Lucifero della tradizione dottrinale cristiana? Nah. Niente da fare. Con questo non voglio affatto dire che il film non valga il vostro tempo e, anzi, non dovete assolutamente perdervi l’intera trilogia… Soprattutto il capitolo finale con uno strepitoso e decisamente inquietante Sam Neill.

Acquista su Amazon: Omen – Il presagio

4. La Mosca

La Mosca

Il remake del 1986 del film originale di 28 anni prima sfrutta al massimo gli effetti speciali pratici (la CGI era ancora di là da venire) per aggiungere un livello di repulsione e ribrezzo alla trama, grazie anche all’interpretazione magistrale di Geena Davis e Jeff Goldblum. La storia verrà ripresa anche in un sequel che, incredibile a dirsi per un franchise horror, regge perfettamente il confronto e, anzi, espande la storia in modo intelligente e sensibile (oltre al fatto che nel capitolo 2 c’è Daphne Zuniga, quindi è per forza di cose un bel film). Io l’ho sempre visto come un thriller di fantascienza e non mi ha mai dato una vera horror vibe, né mi ha mai fatto paura. Ci sono un paio di jumpscare ma al di là di questo, niente mani sugli occhi. L’ho trovato comunque godibilissimo e uno dei migliori remake del periodo cinematografico “classico” mai realizzati.

Acquista su Amazon: La Mosca

3. La Cosa

La Cosa

Parlando di remake eccezionali che a volte superano gli originali, non è possibile non citare La Cosa di Carpenter, uscito ben trentun anni dopo il film con il mostro vegetale che invade una stazione scientifica nel Circolo Polare Artico. Qui al posto di spore e linfa verde abbiamo una creatura in grado di processare e riutilizzare il DNA delle vittime di cui si ciba, trasformandosi e adattandosi a ogni situazione grazie alle caratteristiche fisiche di tutte le creature inglobate nel corso della sua vita. Un’idea fenomenale e una trama assolutamente paranoica e claustrofobica. Da notare che è uno dei pochi film totalmente privi di personaggi femminili (il politically correct a tutti i costi, anche laddove fa a pugni con le premesse della storia, era ben lungi dal diventare lo standard hollywoodiano). Anche in questo caso, sono rimasto intrigato dalla storia e dalle invenzioni fantascientifiche ma non particolarmente impaurito. Ci sono un paio di scene costruite per spaventare lo spettatore, ma c’è una bella differenza tra uno spavento improvviso ed estemporaneo e una sensazione perdurante di paura e inquietudine. A tutti gli effetti, comunque, stiamo parlando di un capolavoro e di una delle pellicole più memorabili di Carpenter nonché di una delle più straordinarie interpretazioni di Kurt Russell.

Acquista su Amazon: La Cosa

2. Shining

Shining

Forse il miglior film tratto da un libro di King mai realizzato (checché ne dica King stesso), Shining è un’altra pellicola con fortissime caratteristiche di claustrofobia e paranoia, con l’aggiunta di un pizzico di sovrannaturale, psicologia e simbolismo per buona misura. Alcune scene sono profondamente disturbanti e rimangono nella nostra mente a lungo dopo i titoli di coda e, tutto sommato, è forse il film in questo elenco che più si è avvicinato, a una prima visione, a impaurirmi… Ma non ce l’ha fatta del tutto. Non saprei spiegare il perché, ma per quanto io lo abbia apprezzato e lo consideri un film eccezionale e irripetibile, uno dei migliori capolavori di Kubrick, non ho mai provato davvero una sensazione di autentica paura. Forse è troppo cerebrale o astratto, forse è la recitazione di Nicholson che ruba la scena anche ai poteri del figlio e ai presunti fantasmi dell’hotel… Non lo so. Lo adoro e lo rivedo ciclicamente ma posso tranquillamente spararmelo da solo a casa alle tre di notte con le luci spente in stanza, senza sentirmi minacciato da qualcosa se devo fare una pausa pipì e dirigermi al bagno.

Acquista su Amazon: Shining

1. L’Esorcista

The Exorcist

E arriviamo al titolo che susciterà in molti di voi delle reazioni incredule. “Ma come, Yuri, non ti ha fatto paura l’Esorcista? Uno dei film più terrificanti della storia del cinema?” Eh, no, non molto, ahimé. Ed è il motivo per cui io fatico a capire le persone che ancora oggi si rifiutano di guardarlo. Parliamoci chiaro: da un punto di vista registico, di dialoghi, di personaggi, di costruzione delle scene, di progressiva e inevitabile discesa in questo incubo infernale, si tratta senza alcun dubbio di una vetta creativa umana. Tutto è praticamente perfetto, senza contare la colonna sonora di Mike Oldfield. Ma gli effetti speciali “shock” sono invecchiati davvero, davvero male. Il film è uscito nel 1973 e io credo di averlo visto da adolescente, forse a tredici o quattordici anni (non ricordo davvero di preciso), quindi presumibilmente attorno al 1984 o 85 e… Beh, già allora mostrava chiaramente i limiti del suo tempo. Al giorno d’oggi? Dopo tutte le parodie che sono state fatte, gli altri film di esorcismi e possessioni, le puntate dei Simpson, i fumetti, gli sketch comici e quant’altro… Francamente l’aspetto horror – almeno per quanto mi riguarda – è quasi sparito del tutto. Gli aspetti di tortura psicologica dei protagonisti, il thriller, l’indagine, il personaggio di padre Karras… Quelli reggono ancora e sono trattati con un’intelligenza e una cura senza paragone. Ma la zuppa di piselli e la testa che si gira all’indietro? Le scene di animazione a passo uno? Il “valore shock” di una bambina che usa parolacce? Decisamente hanno perso gran parte della loro efficacia. Senza contare quanto ho già detto riguardo a Rosemary’s Baby e Il Presagio: non sono particolarmente sensibile al tema della possessione demoniaca e dell’esorcismo – al contrario di alcune persone che conosco – e questo senza dubbio ha avuto il suo peso.

Acquista su Amazon: L’Esorcista (Extended Director’s Cut)

Questo è tutto, gente! L’elenco dei dieci film che mi hanno terrorizzato e che ancora oggi fatico a guardare da solo in casa arriverà nei prossimi giorni. Nel frattempo, condividete il post su FB con i vostri amici e commentate! Anche a voi questi film non hanno fatto paura? Oppure sì? E perché? E quali sono i film horror famosi che avete visto senza provare particolari brividi? E quali invece vi hanno spaventato particolarmente? Aspetto i vostri contributi!

Annunci

Informazioni su Yuri Abietti

Singer, writer, songwriter, blogger and chaos magician
Questa voce è stata pubblicata in Blog, Meta e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...